Delle tre sorelle Sopot è quella più modaiola, giovane e festaiola. Ha sempre un occhio di riguardo per visitatori più maturi, ma ama attorniarsi di giovani.

Conosciuta per le sue spiagge e per le terme, è piena di vita ed eventi culturali.

Sopot è una stazione balneare di lusso, e dicono che abbia il molo più lungo d’Europa. A differenza di quello di Gdynia, questo è accessibile al pubblico solo acquistando un biglietto.  Alla sua testata possono ormeggiare ben cento yatch. 

 

Al suo ingresso ci sono delle bancarelle dedicate alla vendita di dell‘oro del Baltico, dove ho potuto comprare l’anello di ambra da aggiungere alla mia collezione da viaggio.

Nell’ampia piazza di Zdrojowy l’estate regala concerti, come quello jazz che abbiamo ascoltato in serata sorseggiando un caffè freddo aromatizzato alle rose.

 

Poco lontano dalla piazza fa capolino la Latarnia, il faro ricavato dalla torre di un ospedale reumatologico rivitalizzato nel 1975, dentro il quale è stata posta una luce. Lo status di faro le è stato regalato nel 1977 quando il suo raggio di luce raggiungeva i 31,5 km. Al giorno d’oggi i suoi fasci di luce raggiungono i 13 km, formalmente non è più ritenuto un faro, ma ne porta ancora il nome.

 

 

Dopo aver visitato il molo prendiamo il sole sulla spiaggia. Alle nostre spalle abbiamo il Grand Hotel che nel passato ha ospitato personaggi di rilievo come ad esempio Charles de Gaulle Marlene Dietrich e Greta Garbo.

La spiaggia è pulita, anche questa piena di  🔗 parawan e venditori ambulanti di bibite.

Abbiamo fortuna, e oggi possiamo godere del sole per diverse ore. Il sole sul Baltico è un aspetto da cogliere e gustare quando più tempo possibile, tanto che  decidiamo quindi di spostare il nostro pranzo al pomeriggio.

Ania mi porta in posto che ha già testato. Passeggiamo sotto gli alberi di un parco che costeggia la spiaggia di Sopot, e cerchiamo un po’ di ombra. I locali della spiaggia sono molto alla moda, in questo Sopot accoglie un pubblico più giovane, che spesso organizza in questa cittadina addi al celibato e al nubilato. Dopo aver superato alcuni bar trendy facciamo sosta da Bulaj.

 

 

BULAJ

🔗 W: www.bulaj.pl 

Aleja Franciszka Mamuszki 22, 81-718 Sopot, Polonia

 

Il nostro pranzo pomeridiano è delizioso e ovviamente a base di pesce.

A sera un caffè freddo e un concerto jazz chiudono in modo armonico la nostra gita a Sopot.

© Vino Servus, Polonia 2019


 

SITI UTILI
SOPOT 🔗 www.visit.sopot.pl
POLONIA 🔗www.polonia.travel/it

 

 



Booking.com

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.