fbpx

Dopo le giornate dedicate al turismo sostenibile a Vienna, ho pensato bene che è il caso di presentare un progetto che mi sta a cuore, che riguarda la mia regione Puglia, il turismo e, perché no, anche i suoi vini.

Sono lieta di presentare questo progetto che promuove la regione Puglia come meta turistica sostenibile. Ho intervistato Francesco, che ci racconta di cosa si tratta.

Il primo booking online per vacanze sostenibili in Puglia
Il primo booking online per vacanze sostenibili in Puglia

VinoServus!: Chi siete e come si chiama il vostro progetto?

Siamo Francesco, esperto di E-tourism e Marketing Online, ed Alberto, ingegnere informatico. Il nostro progetto si chiama “TourNelSud Green Holidays” e per noi rappresenta quel mix di innovazione e tipicità che darà vita ad un nuovo modello per fare turismo e creare economia in Puglia. La start-up trae origine dall’idea di realizzare il primo booking online destinato ad incentivare un incoming turistico della regione, consentirà al visitatore del portale di accedere ad una pluralità di servizi che gli permetteranno di organizzare la propria vacanza ecosostenibile per tutta la durata del soggiorno, scegliendo solo operatori che operano secondo criteri di sostenibilità ambientale.

 VS: Qual è il vostro background e come siete arrivati a questa idea?

L’idea di progetto è nata dalla passione per il viaggio esperienziale che ci ha portato a vivere, ed involontariamente studiare, modelli di incoming turistici più sostenibili, efficienti e tecnologicamente avanzati presenti in Germania, Paesi Bassi, Australia e Francia. Prendendo spunto da un turismo basato sulle peculiarità del territorio, sistemi di trasporto a basso impatto, tutto gestito da operatori e servizi che tendono a preservare il territorio, abbiamo deciso di porre le basi per l’implementazione di un modello simile anche qui in Puglia, per renderlo poi scalabile anche nelle regioni limitrofe.

A noi fondatori del progetto, il Direttore Tecnico Tour Operator Francesco Aibangbee, e l’ingegnere informatico Ardito Alberto a cui è affidata la  gestione della parte ingegneristica del portale social-commerce, si sono aggiunti una serie di professionisti che operano nell’ambito di svariati settori, tutti però coerenti alla mission della start up: dai professionisti del turismo locale, alla ristorazione, dal video-making promozionale alla fotografia passando per esperti di SEO, Marketing strategist.

 VS: Che cosa significa cominciare di questi tempi con una start-up? La start-up è un po’ come un bruchino che poi si trasformerà in farfalla. In quale fase vi trovate adesso e quali sono i vostri obiettivi.

Hai colto il punto!! Costituire una start up in tempi di restrizione economica non è facile, bisogna lavorare con le proprie risorse e con picchi di 10 – 12 ore al giorno. Oggigiorno le start up compensano la mancanza di liquidità con l’ingegno, il know how, accordi strategici con partnership, campagne di crowdfunding e pubblicità sui social.

Dopo due anni di research studies e sviluppo, siamo partiti con la costituzione del progetto. Ma “Tournelsud.com Green Holidays” non avrà certo vita breve come le farfalle! Da Febbraio 2014 entriamo nel mercato dell’incoming pugliese con una folta rete di operatori turistici: offriamo eco alloggi, menu tipici locali, noleggio bici, eco itinerari, food tours e guide turistiche.

Parco Nazionale Gargano
Parco Nazionale Gargano

 VS: Parlateci del vostro nuovo sito e progetto di local e-commerce.

Grazie al portale www.tournelsud.com ci rivolgiamo tutti coloro che dall’estero vengono a visitare la Puglia, e le regioni del Mediterraneo, offrendo loro servizi innovativi quali il booking online di camere presso strutture ricettive ecofriendly; eco-itinerari organizzati con obiettivi di compatibilità ecologica e socio-culturale. Inoltre è possibile prenotare menu e prodotti a km zero presso ristoratori e aziende agricole locali. Così facendo la start up e la rete di partner commerciali coinvolti faciliteranno la creazione di una “green community” dal basso, formata da operatori attui a sensibilizzare la comunità locale e turisti fruitori di un prodotto sostenibile e di qualità.

VS: L’Austria ama molto l’Italia, la sua cultura ma anche la tradizione gastronomica e i suoi vini. Avete qualche progetto legato all’enogastronomia pugliese?

La Puglia è nella “Top Ten Wine Travel Destination in The World 2013” e noi riteniamo che la cultura gastronomica (come il fenomeno Eataly ci insegna) è e sarà il volano che può contribuire a far girare l’economia turistica non solo della nostra regione, ma in tutto il Sud Italia.

Il 2014 ci vedrà proporre wine tours, food tours, cooking classes aperte a turisti, locali e amanti della Puglia provenienti da tutto il mondo.

Insomma la Puglia ha sicuramente molto da offrire. E grazie a Tour nel Sud è possibile visitare una regione ricca in maniera autentica e responsabile.

E tu sei già stato in Puglia?

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: