Ho viaggiato numerose volte in treno dall’Italia verso Vienna, con svariate combinazioni. Quando ero studente per risparmiare, e da adulta lavoratrice anche, per aggiungere magari un paio di fine settimana in Italia in più. Perché diciamocelo proprio, ci sono molti vantaggi ad essere nati nel nord Italia, quando abiti in un paese al confine ovviamente!

 

COME ANDARE A VIENNA IN TRENO DA SOLA

Se viaggi da sola e vuoi recarti nella capitale austriaca sola ci sono diverse opzioni. Puoi viaggiare con Trenitalia e poi proseguire con un treno delle ferrovie austriache. Oppure cercare i collegamenti tra Italia e Austria coperti dalla ÖBB.

COLLEGAMENTI TRENO TRA VIENNA E LE CITTÀ ITALIANE

Vienna è collegata con le principali città italiane come Milano, Roma, Bologna, Venezia, Napoli. Ecco, se sei pugliese in questo ti senti estremamente sfigata! Ma ho goduto più volte di questi collegamenti per andare a Milano o in 🔗 Veneto.

L’acquisto dei biglietti è possibile online o nelle stazioni delle città collegate. Inoltre, il servizio clienti è anche disponibile in italiano, dal momento che a Milano c’è la sede dell’ufficio informazioni.

CONSIGLI PER VIAGGIATRICI SOLITARIE

Se vuoi viaggiare di notte per risparmiare tempo, sappi che puoi spesso anche risparmiare denaro. I treni notturni prevedono spesso tariffe scontate, i cosiddetti “Sparschiene”. Spesso però per risparmiare devi acquistare un biglietto per un posto a sedere.

Posso dirti che io ho viaggiato solo con questa modalità e non mi è mai accaduto nulla. Spesso ho avuto fortuna e trovato persone (e quindi compagni di viaggio) piacevoli.

Il fatto è che oltre a condividere le chiacchiere, a un certo punto condividi l’aria dello scomparto, le spine per caricare il cellulare, e i calzini in faccia, se si riesce ad aprire i sedili per stendersi nel tentativo di dormire. Poi se hai il sonno leggero come me, sei un po’ fregata.

Di solito uso i tappini, ma in una situazione del genere, ho sempre evitato per restare all’allerta. Alla fine, non sono mai riuscita davvero a dormire, ma a dormicchiare sì. Un viaggio che non dimenticherò mai è quello che è stato ribattezzato “il viaggio con l’uomo narghilè”. In quella occasione avevo viaggiato con il mio ragazzo, sempre prenotando un posto a sedere economico.

Al momento di “dormire” abbiamo scoperto nostro malgrado che il nostro “compagno di stanza” russava in un modo molto singolare al punto da riprodurre il rumore del narghilè quando si aspira l’acqua.

Se viaggi da sola esiste una variante per viaggiare sicura: con le ferrovie austriache ci sono carrozze e/o zone del treno appositamente riservate a famiglie e/o a donne che viaggiano da sole.

 

PRENOTAZIONI

ÖBB Italia 🔗  www.obb-italia.com/it/

ufficio di Milano | T: 02-30415023 | E: info@dbitalia.it

 

Hai già viaggiato in treno da sola? Quale è stata la tua esperienza? Condividila con noi!

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.